C’è bisogno di un’autorizzazione ESTA per uno scalo o un transito negli USA?

C’è bisogno di un’autorizzazione ESTA per uno scalo o un transito negli USA?

Se nei prossimi tempi avete in programma un viaggio che include uno scalo o un transito sul suolo statunitense, probabilmente volete sapere se c’è bisogno di ottenere un “visto” ESTA per effettuarlo tranquillamente e nel rispetto della legge. Vi offriamo qui tutte le informazioni necessarie circa l’utilità di questo tipo di autorizzazione al viaggio elettronica nel quadro di un semplice transito o scalo negli USA e vi forniamo alcuni consigli sulle pratiche da svolgere per ottenere questa autorizzazione facilmente e rapidamente.

 

Un’importante differenza tra il visto e l’autorizzazione ESTA relativamente a transiti e scali negli USA

Il sistema elettronico di autorizzazione al viaggio ESTA è stato attivato nel 2009 per semplificare, a certe condizioni, le pratiche di alcuni viaggiatori desiderosi di recarsi negli Stati Uniti. Si tratta di un programma di esenzione dal visto rivolto unicamente ai cittadini dei paesi membri del dispositivo, come l’Italia, che possono così ottenere un’autorizzazione al viaggio per dei soggiorni di meno di 90 giorni consecutivi.

Poiché uno scalo o un transito dura di norma meno di 90 giorni, l’autorizzazione ESTA sembra essere la soluzione da adottare in occasione di un tale viaggio. È ovviamente anche necessario soddisfare alcune altre condizioni per averne diritto tra cui il possesso di un passaporto elettronico o biometrico in corso di validità e la cui validità copra la data di trasferimento o di scalo negli USA.

 

A quali viaggiatori si rivolge il dispositivo ESTA?

Come già detto in sintesi, il dispositivo di autorizzazione al viaggio elettronica ESTA si rivolge a tutti i viaggiatori che desiderino passare sul suolo statunitense e che risiedano in uno dei 22 paesi membri del dispositivo.

L’ESTA riguarda unicamente i soggiorni di meno di 90 giorni sul suolo statunitense e quindi anche i passaggi di brevissima durata, anche di poche ore. È quindi assolutamente necessario disporre di un’autorizzazione ESTA valida in occasione di uno scalo o di un transito negli Stati Uniti. Quando ci si imbarca su un volo per gli Stati Uniti, anche se il volo ha una differente destinazione finale o se si deve cambiare volo in un aeroporto statunitense per poi dirigersi verso un altro paese, la compagnia aerea con la quale si viaggia verifica sistematicamente che un’autorizzazione ESTA sia associata al passaporto del viaggiatore.

È anche importante segnalare che è necessario ottenere un’autorizzazione ESTA anche nel caso in cui non si esca dall’aeroporto statunitense da cui si transita e perfino se non si scende dall’aereo. Il semplice fatto di trovarsi in un aereo in un aeroporto del paese richiede un’autorizzazione di soggiorno. Ovviamente, se si dispone di tempo sufficiente tra i due voli, l’autorizzazione ESTA consente anche di fare un po’ di turismo uscendo dall’aeroporto. Infatti, avendo ottenuto un’autorizzazione di soggiorno, è possibile spostarsi liberamente negli Stati Uniti grazie ad essa.

 

Quanto tempo tra il transito di andata e quello di ritorno con l’ESTA?

Un’altra domanda che si pongono spesso i viaggiatori che devono fare un transito o uno scalo negli Stati Uniti riguarda il tempo massimo autorizzato tra il passaggio sul suolo statunitense all’andata e quello al ritorno.

Infatti, come spiegato in precedenza, un’autorizzazione ESTA può essere utilizzata unicamente per dei soggiorni inferiori ai 90 giorni. Cosa succede quindi in caso di soggiorni in un altro paese di più di 3 mesi che richiedano uno scalo o un transito negli USA sia all’andata che al ritorno?

In realtà, poco importa in questo caso la durata totale del proprio viaggio perché viene preso in conto unicamente il tempo passato sul suolo statunitense. Di conseguenza, anche se passano più di 90 giorni tra il primo passaggio nell’aeroporto statunitense e il secondo passaggio al momento del ritorno, ciò non comporta alcun problema visto che nel frattempo si è usciti dal territorio.

Bisogna anche sapere che l’autorizzazione ESTA è valida per due anni a partire dal suo rilascio e può quindi essere utilizzata per tutti i transiti, scali e soggiorni negli USA che si desidera durante questo periodo, a condizione di rispettare la durata massima del singolo soggiorno.

 

Dove e come domandare un’autorizzazione ESTA per un transito o uno scalo negli USA?

Adesso che è chiaro che un’autorizzazione ESTA è necessaria per un transito o uno scalo negli USA, spieghiamo come fare per ottenerla in maniera semplice e rapida. Prima di effettuare la propria domanda online è bene assicurarsi di possedere un passaporto elettronico o biometrico valido e la cui validità copra sia la partenza che il ritorno del proprio viaggio.

Bisogna poi andare su un sito come il nostro per accedere ad un modulo di domanda di autorizzazione ESTA online in italiano avendo a disposizione il proprio numero di passaporto nonché una carta di credito per saldare le spese della pratica necessarie all’invio ed allo studio della domanda.

Basta lasciarsi guidare attraverso le varie tappe compilando con cura ed onestamente il modulo. Bisogna rispondere a tutte le domande che vengono poste senza eccezioni e in maniera totalmente sincera.

Una volta compilato il modulo non resterà che pagare le spese della pratica tramite carta di credito su un server securizzato. La risposta alla propria domanda verrà poi trasmessa per e-mail all’indirizzo indicato in un tempo massimo di 72 ore.

Se la domanda di ESTA viene convalidata, non ci saranno altre pratiche da svolgere in quanto l’autorizzazione viene associata per via informatica al proprio passaporto per una durata di due anni. Si consiglia tuttavia di conservare il numero di pratica che potrebbe servire in caso si debbano apportare delle modifiche al documento.

Se l’autorizzazione ESTA viene rifiutata, significa che gli Stati Uniti non autorizzano il richiedente a transitare nel loro territorio. Bisognerà allora cambiare itinerario di viaggio o effettuare una nuova domanda.

Fare una domanda ESTA